All’interno di un palazzo del 1500, profondamente modificato nel secondo dopoguerra, il piano nobile rinasce dopo anni di incuria grazie un attento e delicato intervento. Tagli di luce con leggere modifiche spaziali, variazioni materiche che risaltano soffitti e pavimenti, giochi policromi nei bagni, con l’uso della pietra unito a tinte pastello. Un atteggiamento attento ma radicale nell’approccio, vecchi travi marroni ridipinti di grigio tenue, muri bianchi per esaltare antichi affreschi.  Un richiamo alle case nobiliari d’oltralpe, dove la luce pervade tutti gli spazi.
Back to Top