Un vecchio magazzino industriale dove prima si producevano ruote da camion si trasforma in una fabbrica di sapori e profumi. Pasticceria, forno, bistrot e scuola di cucina. Tutto nello stesso luogo. Niente nascosto, tutto a vista, per rendere partecipe anche l'avventore più distratto della magia della cucina. Colori tenui e materiali caldi a ricordare la pasta, il pane, i dolci e le fragranze dei cibi appena sfornati. Esternamente invece in contrapposizione all'interno, il volume diventa scuro, per far risaltare il più possibili il contrasto sia con la luce esterna che quella interna. Vetrine sulla strada come quadri illuminati attirano i passanti in auto. Ai piani alti residenze per i giovani apprendisti ed uffici per lo chef.
Back to Top